Traduttore

giovedì 11 gennaio 2018

Il samurai solitario di William Scott Wilson (Edizioni Mediterranee)

In questo libro, si narra la storia di un leggendario samurai, Miyamoto Musashi vagabondo, senza meta nel Giappone del Seicento. Ancora oggi nel Paese del Sol Levante è considerato una figura cardine della storia nazionale. Un samurai che però non amava la violenza: si parla che non abbia mai utilizzato una spada di metallo (solo di legno) e che preferisse, contro gli avversari, il gioco di astuzia. Grande maestro delle arti marziali, Musashi è anche ritenuto un interprete dello Zen: per lui la pittura e la calligrafia, così come l'arte del combattimento, erano solo delle strade che portavano verso la liberazione. Non servì mai nessun signore feudale perchè preferiva viaggiare fuggendo dalla ricchezza e le comodità, nella semplicità dei luoghi dove egli andava. Leggendo "Il samurai solitario", scritto da uno dei più celebri studiosi della cultura tradizionale giapponese, si potrà approfondire la figura di Musashi. 

Nessun commento:

Posta un commento